Castiglione Olona

Giro – the end

Alcuni anni fa era tradizione che al Giro del Varesotto la pioggia la facesse da padrona, negli ultimi tempi invece è stato il caldo a regnare sovrano. Ieri sera a Casorate si è respirata l’aria dei vecchi tempi (pure troppo), dato che fino a un paio di ore prima si è scatenato un acquazzone che ha quasi messo in forse la disputa dell’ultima tappa.

Per fortuna, pur continuando i tuoni, Giove Pluvio ha concesso una leggera tregua e i concorrenti hanno potuto prendere il via regolarmente, dato il clima i podisti di giornata erano un po’ meno rispetto alle tappe precedenti.

È il giorno della consacrazione per Andrea Soffientini (al suo terzo giro consecutivo) e Marta Latino (al suo esordio assoluto), che non hanno tradito le attese, il primo dominando ancora una volta sia traguardo volante che arrivo finale (davanti a Marco Gattoni ed Ederuccio Ferraro), la seconda si è dovuta inchinare al rientro in grande stile di Claudia Gelsomino, reduce da diversi mesi di infortunio. Terza un’ottima Rosanna.

Questi i tempi degli Athlon che hanno corso la gara competitiva, da segnalare la presenza di Vanni, che ha chiuso in circa 20’35”

QUI i risultati completi della serata, dopo qualche giorno di speranza è tornata l’orribile grafica di Endu.

In classifica finale, Rosanna si conferma seconda assoluta, mentre Simona è sesta e seconda di categoria, non ci sono parole per descrivere la vostra impresa, bravissime!

Bravissimi anche i maschietti, con Tito 33° (7° SM35), Andrea 44° (8° SM45) e Nando 91° (11° SM55)!

Complimenti anche a Michele e Patrizio, che si sono classificati al terzo posto assoluto fra le staffette!

Come società, grazie alla presenza di Patrizio alla prova competitiva siamo arrivati settimi, non lontani dalla sesta posizione della classifica a punti (premiavano le prime 6) e rafforzato il secondo posto in quella a tempi (dove non c’erano premiazioni).

Tirando le somme, è stato un bel giro, anche se il numero totale è un po’ in calo rispetto alle passate edizioni. Di positivo c’è da registrare il costo contenuto del circuito (solo 30 euro per sei prove Fidal, mentre ad esempio Estate Correndo ne fa pagare 40 con una gara in meno) ed i numerosi premi anche a sorteggio per tutti i partecipanti. Per contro, forse 5 euro per la singola prova non competitiva sono un po’ tanti, forse anche per questo hanno concluso tutte le tappe poco più della metà degli iscritti totali. Inoltre, il regolamento ha qualche lacuna, soprattutto nelle staffette, dove qualche furbetto ha potuto far gareggiare l’elemento più forte quasi tutte le volte, per il resto l’atmosfera che si respira alle partenze del giro rimane un’esperienza da provare e da ripetere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: