Castiglione Olona

Ultimo atto del 17° Winter Challenge è un’altra new entry nel panorama delle corse campestri, il Cross dell’Oasi, nei pressi dell’affascinante Oasi Naturalistica della Bruschera ad Angera.

La gara è valida anche come campionato provinciale master di specialità, grazie a ciò si è raggiunto un numero piuttosto considerevole di partecipanti. Ai 110 iscritti al Winter si sono aggiunti circa 80 competitivi di giornata e una quarantina di non competitivi.

Il percorso, pur essendo in gran parte pianeggiante, è risultato piuttosto impegnativo, per il suo fondo variabile (grazie anche al lavoro di scavo da parte di ungulati indigeni) e per uno “zappello” (neologismo coniato dall’amico Davide) a circa 150 metri dalla linea del traguardo che ha obbligato diversi podisti a fermarsi.

Alle 15, accompagnati dagli scatti dell’infaticabile Arturo e dalle incitazioni dello speaker Andrea, il via della gara, che viene subito monopolizzata dal CUS Insubri, che realizza una doppietta con Tommaso Arrighi (16’48”) e Andrea Mason (16’56”), terzo il “runcard” Stefan Hoberger, che ha impiegato 17 minuti netti per coprire i 5 chilometri.

In campo femminile, bentornata sul primo gradino del podio, dopo il quarto posto del Campaccio ed il secondo del Vallone, ad Elena Begnis (20’02”), che precede Marta Latino (20’09”) e Maria Cristina Guzzi (21’21”).

Per gli Athlon, ottima quindicesima posizione per Patrizio (18’51”), 61° Valerio (21’45”), 76° Nando (22’54”) e nona Luisa (24’02”). Da segnalare che Luisa e Patrizio hanno conquistato la medaglia di vice-campioni provinciali delle rispettive categorie, complimenti!

Questa la classifica ufficiale Fidal

Questi invece i vincitori di categoria del 17° Winter Challenge: Arianna Casa (allieve), Marta Latino (F30, vincitrice assoluta del circuito), Simona Ferrario (F40), Lorena Strozzi (F50), Francesca Barone (F60), Tommaso Arrighi (M20, vincitore del Winter), Giulio Curatitoli (M30), Sandro Cavallaro (M40), Stefano Moriggi (M50), Francesco Mazzilli (M60) e Giovanni Grassini (M70).

Pur con qualche lieve inconveniente, in parte dovuto alla location inedita, buona l’organizzazione generale della gara.

In conclusione, è doveroso ringraziare le società organizzatrici, Sette Laghi Runners e Insubria Sky Team, per aver tenuto in vita il Winter Challenge. Non è facile, con poche risorse, organizzare gare di questo tipo nel varesotto, con il comportamento snobistico di qualche società che rasenta il ridicolo.

Un ringraziamento più che doveroso va al Gruppo Giudici Fidal ed al presidente del comitato provinciale Fabio, al fotografo ufficiale Arturo di podisti.net, allo speaker Andrea e, naturalmente, a tutti i podisti che non hanno voluto mancare a questo appuntamento, nella speranza di poter vedere questo circuito spegnere 18 candeline.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: